Da nord a sud: Università di Trieste, Università Cà Foscari di Venezia, Università di Padova, Università di Parma, Università di Macerata, Università Sapienza di Roma, Università di Cagliari e Università di Palermo sono gli atenei italiani che hanno deciso di unire le forze e puntare all’aumento dell’occupazione dei giovani laureati nel settore della progettazione europea, potenziando il collegamento tra formazione e mercato del lavoro in Europea.

Si è conclusa ieri la preparazione del consorzio per la mobilità degli studenti che unisce otto tra le principali Università italiane, con il coordinamento di SEND e il supporto di EuGen (European Project Association NCP), in qualità di organismo intermediario.

L’approvazione del progetto da parte dell’Agenzia nazionale consentirebbe per i prossimi 2 anni la mobilità di circa 140 studenti, selezionati per beneficiare di un’esperienza pratica di tirocinio presso un’azienda europea attiva nell’utilizzo dei fondi comunitari, per una durata che va dai 2 ai 12 mesi, e con il supporto della borsa Erasmus dell’Unione europea.

Il progetto impegna gli studenti nell’analisi dei fabbisogni e delle opportunità di finanziamento per l’azienda ospitante, e/o nello sviluppo di proposte di progetto. Oltre all’esperienza pratica e alle competenze tecniche, i partecipanti si arricchirebbero di contatti, competenze linguistiche, attitudine al lavoro in contesti internazionali e motivazione, tutti elementi chiave per la professione del progettista europeo.